poetry

alienazione

Sono ispirato

come un mucchietto d’ ossa

corroborato

dalla terra, dal tempo.

Eppure scrivo, senza idee

un poeta non è solo le sue parole:

è innanzitutto

la sua immensa vita di stenti

e di noia

e di flussi di coscienza ubriaco.

La notte è il suo mestiere.

Ma qual bottino !

Vent’ anni di esistenza

per un misero pugno di versi,

per un sorriso malinconico

stampato sui denti.

Non hai una dottrina,

non hai seguaci,

sei libero di succhiare la vita

dal mondo che attende,

ti perderai tra i molti

che hanno capito

che è dall’ esperienza che si impara.

Illusioni.

Ribbelle, indiavolato, restio

alle catene

che gli vengono porte per la salvezza

traballerà il poeta

allucinato

del suo glorioso fallimento.

L’ ombra si staglia imponente

alle sue spalle

e l’ avvolge .

Un inizio, una fine

sono la stessa cosa

vista da diverse prospettive:

dal basso o dall’ alto

voluttuoso o stremato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...