Philippe Descola: “Oltre natura e cultura” e la particolarità del naturalismo occidentale
anthropology/philosophy

Philippe Descola: “Oltre natura e cultura” e la particolarità del naturalismo occidentale

“Oltre natura e cultura” è un testo che nasce con l’ implicito obiettivo di invitare il lettore a ripensare in misura più o meno drastica la sua visione del mondo, anche delle cose più semplici e banalmente ritenute ovvie. Un dato di fatto è posto subito in primo piano: la cultura occidentale ha razionalizzato l’ … Continua a leggere

La globalizzazione secondo Jean-Loup Amselle, un’ antropologia dell’ universalità delle culture
anthropology/philosophy

La globalizzazione secondo Jean-Loup Amselle, un’ antropologia dell’ universalità delle culture

L’ antropologia contemporanea è spesso incappata nell’ idea della cosiddetta creolizzazione del mondo. Il termine “creolo” nacque per identificare quei bianchi di origine europea che videro la luce nelle colonie del Nuovo Mondo, per distinguerli ed enfatizzarne i costumi degenerati rispetto ai ricchi immigrati di origine europea. Soprattutto nelle Antille e nell’ America centromeridionale questo … Continua a leggere

Un viaggio contro la naturale diffidenza nei confronti dell’ alterità culturale
anthropology/philosophy

Un viaggio contro la naturale diffidenza nei confronti dell’ alterità culturale

Con il presente articolo si intende dimostrare l’ importanza del viaggio come pratica culturale e l’ immenso valore di una conseguente visione del mondo di stampo relativistico e antropologico. Il giro lungo, ovvero il vagare inquieto di un uomo oltre ai costumi e alle abitudini di casa sua, verrà presentato come una tipologia di esperienza … Continua a leggere

Peter Sloterdijk – “non siamo ancora stati salvati ” (saggi dopo Heidegger )
anthropology/philosophy

Peter Sloterdijk – “non siamo ancora stati salvati ” (saggi dopo Heidegger )

Martin Heidegger sconsiglia vivamente al filosofo di porre la domanda genealogica, in quanto questa tecnica filosofica risulta fatalmente contaminata da ciò che vuole interrogare: per comprendere il comprendere bisogna già da sempre utilizzare lo stesso comprendere . Si tratta di un’ ingenua utopia, di un tentativo di risalire dietro il fondo del proprio occhio. In … Continua a leggere