Nietzsche, “La Gaia Scienza” e l’ uomo nuovo
philosophy

Nietzsche, “La Gaia Scienza” e l’ uomo nuovo

La Gaia Scienza è un testo “centrale” nella vita di Nietzsche, non soltanto nel senso esteriore di occupare una posizione mediana entro la sua produzione letteraria, ma anche nel significato più sottile di inserirsi tra i suoi scritti come un magico momento di equilibrio, come l’ unica sua esperienza di “salute” totale, dove tutti gli … Continua a leggere

“Essere e Tempo” oggi: deiezione e dittatura del Si
philosophy

“Essere e Tempo” oggi: deiezione e dittatura del Si

Heidegger ha proposto un modo nuovo, originale di fare filosofia, rivoluzionandone il metodo: l’ indagine filosofica deve, da Essere e Tempo in avanti, assumere la forma di una spirale, deve divenire un circolo ermeneutico di domande poste e riproposte in continuazione, da tutte le prospettive possibili. In questo modo gli autori del passato non vengono … Continua a leggere

Il prometeo giustiziato
philosophy

Il prometeo giustiziato

“Questa è in generale nella storia universale la posizione degli eroi, che schiudono un mondo nuovo, il cui principio è in contrasto con quello fin allora vigente […] Individualmente essi incontrano la rovina; ma la pena distrugge soltanto l’individuo, non il principio […] che più tardi si farà strada, sebbene sotto altro aspetto, e s’innalzerà … Continua a leggere

Philippe Descola: “Oltre natura e cultura” e la particolarità del naturalismo occidentale
anthropology/philosophy

Philippe Descola: “Oltre natura e cultura” e la particolarità del naturalismo occidentale

“Oltre natura e cultura” è un testo che nasce con l’ implicito obiettivo di invitare il lettore a ripensare in misura più o meno drastica la sua visione del mondo, anche delle cose più semplici e banalmente ritenute ovvie. Un dato di fatto è posto subito in primo piano: la cultura occidentale ha razionalizzato l’ … Continua a leggere

La globalizzazione secondo Jean-Loup Amselle, un’ antropologia dell’ universalità delle culture
anthropology/philosophy

La globalizzazione secondo Jean-Loup Amselle, un’ antropologia dell’ universalità delle culture

L’ antropologia contemporanea è spesso incappata nell’ idea della cosiddetta creolizzazione del mondo. Il termine “creolo” nacque per identificare quei bianchi di origine europea che videro la luce nelle colonie del Nuovo Mondo, per distinguerli ed enfatizzarne i costumi degenerati rispetto ai ricchi immigrati di origine europea. Soprattutto nelle Antille e nell’ America centromeridionale questo … Continua a leggere